«Colli del Lavino»
Zola Predosa – Bologna
3 Ottobre 2020


COMUNICATO UFFICIALE

A partire dall’edizione 2018 – e per tutte le future a venire – il comitato organizzatore richiede formalmente a tutti gli Opliti che intendano partecipare alla competizione, di scaricare, compilare e ritornare secondo le modalità illustrate, una liberatoria che ha valore di:

  • accettazione integrale del regolamento esposto;
  • rinuncia da parte del sottoscrittore di qualsiasi pretesa nei riguardi dell’Organizzazione sia nel caso di lesioni personali di qualsiasi natura, sia nel caso di danni o perdita dei beni materiali (ad esempio, la bicicletta) che occorressero nel corso della manifestazione, incluse la fase preparatoria e quelle successive, individuali o conviviali.

Le Liberatorie dovranno essere trasmesse all’Organizzazione entro il 20 Settembre 2020, in forma di file pdf.

Liberatoria Generale 2020

Liberatoria Speciale 2020


La prima collina che si incontra uscendo da Bologna lungo la S.P. 569 Bazzanese è il connubio di splendidi affacci sulla pianura, morbide colline di indiscussa eccellenza vitivinicola e gastronomica, e sentieri per ogni grado di impegno. Lo straordinario mix di accessibilità, rilevanza paesaggistica, naturalistica e valore sportivo ha meritato a questi luoghi l’assegnazione dell’edizione 2020 dell’Hoplokyklodromìa, che si svolgerà sul percorso illustrato nel Roadbook di cui al link sottostante (chi volesse confezionare il proprio Roadbook secondo differenti criteri può scaricare un file di 54 MB con le relative immagini a questo link) .

Roadbook HOPLOKIKLODROMÌA 2020

L’edizione, i cui tracciati GPX sono disponibili più sotto, prenderà il via verso le ore 15 del 3 Ottobre 2020,  dalla zona di transizione collocata in corrispondenza del parco fluviale del Lavino, e in particolare sul curvone in cui convergono Via Alba Maldini, Via Colleverde e Via Respighi, in altre parole all’ingresso Sud del parco attrezzato di Via Respighi, e sarà riservata a Mountain Bike, con deroghe a totale rischio dei partecipanti.

Per la prima volta nella storia della manifestazione, il percorso si compone di due giri che, con variazioni, insisteranno sullo stesso tracciato. Esso – al netto di circa 300 metri di itinerario – include la totalità dello storico Percorso Vita di 6.2 km e circa 150 metri di dislivello in ascesa, ampliandone in modo significativo la difficoltà e l’interesse.

Valutata la necessità di percorrere per buon tratto il frequentatissimo sentiero lungo Lavino e di impegnare, in ciascun giro, due ponti di cui uno immediatamente dopo la partenza, l’Organizzazione ha stabilito che abbia innanzitutto luogo la Hoplodromìa, per evitare l’accalcarsi di biciclette e possibili incidenti. Considerato che gli Opliti si presenteranno alla spicciolata alla conclusione del primo giro, le interferenze delle biciclette con i passaggi stretti e il traffico pedonale saranno sicuramente meno rilevanti che nel caso di una partenza ciclistica in gruppo. Gli Opliti, come sempre, restano soli responsabili delle conseguenze civili e penali dell’arrotamento o dell’infilzamento dei civili che, ignari di noi, si accalcheranno come ogni sabato sui primi quattro km circa di ciascuna frazione. C’è da dire che la cittadinanza Zolese è già abitualmente a contatto con corridori e ciclisti ardimentosi e sprezzanti la vita (altrui). E d’altronde i danni collaterali vanno messi in conto in ogni campagna militare, come anche sottolineato in questo scritto di Sua Eccellenza il Balivo.

Il ritrovo è fissato alle ore 14,00 presso l’area di transizione, la cui posizione è dettagliata più sopra e sarà riportata nella Liberatoria Speciale 2020 (vedi link più sopra): una volta allestite le piazzole, salvo giuramento di eventuali nuovi opliti, si darà immediatamente luogo al briefing, e quindi alla partenza dell’Hoplodromìa.

Il tracciato su base topografica OpenStreetMap

Il tracciato dell’Hoplokyklodromìa 2020 su base topografica OpenStreetMap

Via via che gli opliti completeranno l’Hoplodromìa, di 9,6 km con 318 metri di dislivello in ascesa, inizieranno la Hoplokiklìa, di 16,3 km con 540 metri di dislivello in ascesa, suddivisi su tre salite principali. Ne consegue, al lordo della transizione, una lunghezza totale di circa 25,9 km con dislivello complessivo in ascesa di circa 860 metri.

I Muri dell'Hoplokyklodromìa 2020

I Muri dell’Hoplokyklodromìa 2020

In configurazione di Hoplodromìa, gli Opliti affronteranno la “Rampa del Dolore”. Al secondo giro, saliti in bicicletta, affronteranno in sequenza il “Muro dell’Agonia”, la “Gobba di Satana” e “il Mortirolo dei Meno Abbienti” (quest’ultimo coincidente con l’ascesa a San Lorenzo in Collina dalla Valle Landa)

Hoplokyklìa 2020

Percorso dell’Hoplokyklìa 2020

GPX Hoplokiklia 2020

Percorso dell'Hoplodromìa 2020

Percorso dell’Hoplodromìa 2020

GPX Hoplodromia 2020

Percorso dell'Hoplokyklodromìa 2020

Percorso dell’Hoplokyklodromìa 2020